Seleziona una pagina
Paolo Claps

Paolo Claps

Per prenotare una webcall con me clicca qui

Nato a Potenza nel 1983, neopapà della piccola Giovanna.

Cresciuto in una famiglia di imprenditori nel settore dell’informatica e delle telecomunicazioni, dopo il diploma di ragioneria mi ritrovai a sfogliare un manuale che parlava della tecnologia Adsl. A casa utilizzavo internet ormai da qualche anno, ma non mi ero mai soffermato a capire cosa ci fosse “dietro” e quali potessero essere le reali potenzialità del sistema.

Era agosto, ero al mare e c’erano tante distrazioni, ma decisi di dedicare l’estate allo studio sia degli aspetti tecnologici che commerciali di quella tecnologia. Per la prima volta non vedevo l’ora arrivasse settembre

A settembre iniziai a frequentare tutti i reparti della nostra azienda: passavo dal call center che si occupava della presa degli appuntamenti al reparto di sviluppo dei software e non perdevo occasione di andare in giro con gli agenti che proponevano alle imprese le nostre soluzioni e quelle dei nostri mandanti. Presi tante telefonate e porte in faccia (forse è per questo che ancora oggi cerco di rispondere in maniera gentile alle chiamate dei call center), ma anche tanti sorrisi e chiusure di contratti. Raccogliere le richieste dei clienti e portarle a chi stava sviluppando il loro software era una cosa che mi piaceva molto. 

ADSL
Mare

Per molto tempo mi dedicai anche ai nostri punti vendita di telefonia e di informatica e nello Strabilia di Potenza imparai a conoscere e comprendere le esigenze e le dinamiche di una piccola realtà imprenditoriale. Come si fa altrimenti a dare consigli ai clienti se non si è vissuta sulla propria pelle una situazione lavorativa simile alla loro?

Durante i corsi di formazione tenuti dalle aziende di informatica e telefonia con le quali collaboravamo, ma anche nel contesto dei Giovani di Confindustria o durante i convegni e le visite aziendali organizzati dalla Compagnia delle Opere, avevo modo di conoscere e rapportarmi con persone e realtà di tante altre regioni. Credo di aver imparato o conosciuto qualcosa da ognuno di loro, primo tra tutto: il valore delle relazioni!

L’11 settembre, la crisi del 2008 (ed il brutto momento che stiamo vivendo in questo 2020) mi hanno insegnato che le cose non possono andare sempre bene, ma è proprio nei momenti difficili che non bisogna scoraggiarsi e che bisogna dare il massimo. 

Negli anni ho capito anche che quando lavori per aziende di grandi dimensioni (per quanto bravo e volenteroso tu e la tua azienda possiate essere) finisci per essere sempre “un numero”, una pedina utile nel momento in cui produci risultati e risolvi loro problemi, e che puoi essere dimenticato un attimo dopo… magari al cambio di un qualunque dirigente.

Strabilia

Forse finisci per sviluppare quel sesto senso che ti fa intravedere subito quando una situazione è diversa, come credo sia accaduto quando, con mio fratello Gennaro, andammo in visita alla Welcome Italia a Massarosa (1.500 km in due giorni!) perché eravamo alla ricerca di un partner affidabile nel settore delle telecomunicazioni per aziende. In quell incontro non si parlò di numeri, di budget e di chissà quali promesse economiche. Si parlò di valori, di etica, dell’importanza del cliente e del doversi dar da fare – a tutti i livelli – per non disattendere mai le sue aspettative. Ci sembrava di essere in una delle nostre “riunioni aziendali di famiglia”, e non al cospetto di un importante operatore di TLC.

Viaggio

Quel giorno non lo sapevamo ancora (ci sono voluti diversi anni e qualche altra evoluzione per arrivarvi) ma di fatto era già nata la nostra Comunica.Live, la stessa che oggi opera in tutto il sud italia. 

Se vuoi entrare in contatto con me compila il form qui in basso!

Comunica.Live

Contatta Paolo Claps

3 + 9 =